<
Torna alla home page del Parco dei Picentini
Positanon on line   Banner rotante per la pubblicità on-line
Banner rotante per la pubblicità on-line
TurismoNews
Giffoni | Montoro | Serino | Sieti | Taurasi | Montella | Acerno | Montecorvino | Montemarano | Solofra | Fisciano
Cerca con Google
 
 
Strutture ricettive
Info Turistiche
Territorio
Link utili
Relax
 
 
Normativa sulla raccolta dell'origano
 
Art 1 - modalità di raccolta
Sulle balze dei monti lucani la raccolta dell’origano (origanum vulgare) non può avvenire prima del 10 agosto e non oltre il 10 ottobre dell’anno, precauzione necessaria per consentire la maturazione del frutto e quindi la naturale propagazione per seme della pianta;
Il taglio degli steli fioriferi deve avvenire a non meno di 5 cm dal suolo e gli steli non fioriferi non vanno raccolti;
Si possono utilizzare per il taglio esclusivamente forbici da potatura o cesoie;
è essenziale lasciare su ogni ceppaia qualche stelo in fioritura;
è vietata l’asportazione manuale o il taglio con arnesi diversi da quelli raccomandati; questo per evitare che con lo strappo venga divelta l’intera ceppaia;
l a raccolta è vietata dal 10 ottobre al 10 agosto dell’anno successivo, in territori al di sopra dei 1000 metri;
a i non residenti è consentita una raccolta massima giornaliera di Kg. 0,300 per persona di steli in fioritura;
chiunque danneggi, estirpi o asporti piante di origano o le raggolga in maniera non conforme al presente regolamento, sarà tenuto a pagare una sanzione amministrativa che va da un minimo di €100,00 ad un massimo di € 200,00, calcolata ai sensi della legge n° 689 del 24-11-1981; la quantità raccolta sarà confiscata e devoluta a istituti di beneficenza.
 
Altri portali del circuito StarNetwork